Richiesta Esenzione Canone Rai Tramite la Pec

Secondo le ultime normative, l’Agenzia delle Entrate considera il possedere un contratto di fornitura elettrica come possedere un televisore e di conseguenza invia al cittadino in allegato alla bolletta elettrica il Canone TV.  Per una serie di vicissitudini quest’anno (2016) il progetto è partito in ritardo e, come ben ricordiamo, abbiamo pagato una rata a luglio o agosto di 80 euro e le restanti 20 con la bolletta elettrica di settembre o ottobre.

pec esenzione canone rai

Cento euro contro le vecchie 113,50. Dal 2017 questa somma dovrebbe scendere a 90 euro pagabili in rate da 10 euro a partire da gennaio. Ma torniamo a noi: se in teoria possedere l’energia elettrica da per scontato il possesso dell’apparecchio televisivo, la realtà potrebbe anche essere diversa; e così si evince che si potrà inviare all’Agenzia delle Entrate il mancato possesso della TV tramite PEC con firma digitale.

Il procedimento è semplice; basta scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate l’apposito modulo di esenzione, allegarlo alla PEC, apporre la firma digitale ed inviarlo al seguente indirizzo e-mail: cp22.sat@postacertificata.rai.it .

Qualora non si abbia una PEC si potrà inviare la richiesta di esenzione tramite classica raccomandata postale con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti Tv – Casella postale 22 – 10121 Torino.

Ricordiamo che la domanda di esenzione del Canone Rai deve essere compilata dall’intestatario del contratto di energia elettrica e deve essere allegata a fotocopia del documento di identità dello stesso, e che nel sito dell’Agenzia delle Entrate vi è una apposita sezione (FAQ) in cui poter approfondire l’argomento ed avere maggiori chiarimenti al riguardo.




Condividi la notizia, potrebbe essere utile a molte persone