Normativa Canone Rai 2016

Per l’anno in corso diversi aspetti sono cambiati riguardo la tassa radiotelevisiva. L’importo annuale è stato ridotto a 100 euro, lo pagherà chiunque abbia una tv o una radio e la detenzione dell’apparecchio si presume per tutti gli immobili che abbiano un allacciamento alla rete elettrica in cui ci sia la residenza di un soggetto.

normativa rai

Il pagamento del canone avviene tramite addebito che avviene nella bolletta della luce; in ogni fattura sono addebitate le rate mensili scadute.

Per stabilire l’importo da pagare in fattura, la somma totale annua viene suddivisa in dieci rate mensili.

Chiunque dichiari di non possedere apparecchi dovrà farlo così come stabilito dalla legge, di anno in anno, fermo restando che sarà passabile di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate che si occuperà di verificare che non si sia dichiarato il falso.

Le modalità di presentazione della dichiarazione di non detenzione della tv saranno definite con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate.

Il canone Rai va pagato una sola volta anche se si possiedono più apparecchi nella stessa casa in cui dimorano o risiedono più soggetti appartenenti al medesimo nucleo familiare.

Solo per il 2016, la prima rata si pagherà con la bolletta elettrica ricevuta in data successiva 1 luglio.

La cifra esatta viene indicata con una voce separata rispetto a quelle relative ai consumi energetici.

Rispetto al passato non è più permesso disdire l’abbonamento avvalendosi del suggellamento degli apparecchi.

Da quest’anno e fino al 2018, una parte degli eventuali maggiori introiti derivanti dal canone rai sarà impiegata per far salire la soglia di esenzione reddituale a 8 mila euro nei confronti degli anziani (età pari o superiore ai 75 anni di età).reddituale per l’esenzione a favore dei soggetti di età pari o superiore a 75 anni.

Ulteriori dettagli a tal riguardo saranno comunicate al momento opportuno tramite decreto che verrà emanato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, in accordo col Ministro dello Sviluppo Economico.




Condividi la notizia, potrebbe essere utile a molte persone