Esenzione Canone Rai per gli Anziani: Precisazioni

Fino a qualche mese fa si pensava che la soglia limite per l’esonero dal pagamento della tassa tv per gli anziani, fosse di 8 mila euro. Di fatto, l’importo massimo che permette agli ultrasettantacinquenni di essere esclusi dal canone rai è al momento rimasto invariato.

Esenzione Canone Rai Anziani

Infatti, come riporta lo stesso sito ufficiale dedicato all’imposta televisiva, secondo quanto previsto dalla legge di stabilità 2016, un eventuale aumento del limite di reddito per poter beneficiare dell’esenzione “potrà essere disposto in futuro con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze”.

Ciò avverrà esclusivamente se ci saranno maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento rispetto al bilancio previsto per l’anno in corso.

In tal caso sarà emanato uno specifico decreto e predisposto un nuovo modello che innalzerà la soglia, dagli attuali 6.713,98 euro, a 8 mila euro.

Dunque per il 2016 nessun cambiamento e per essere esonerati ci si può rivolgere all’Agenzia delle Entrate del proprio territorio presentando una dichiarazione sostitutiva di richiesta di esenzione (usando l’apposito modello), a cui allegare anche copia di un documento di identità valido.

In alternativa è anche possibile spedire per posta (tramite raccomandata senza busta e con ricevuta di ritorno) la dichiarazione sostitutiva di esonero o l’eventuale istanza di rimborso dal pagamento del canone TV.

L’indirizzo di riferimento è il seguente: Agenzia delle Entrate, Ufficio Torino 1 Sat  – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 , 10121 – Torino.

Chi desidera richiedere l’esenzione per la prima volta deve farne richiesta entro il 30 aprile, superata tale data l’esonero sarà valido solo per il secondo semestre, sempre che la presentazione del modulo avvenga entro e non oltre il 31 luglio prossimo.

Per i nuovi abbonati la richiesta di esenzione deve essere inviata entro 60 giorni dalla data in cui vige l’obbligo di pagamento del canone tv.

Dall’anno venturo in poi, per continuare ad  usufruire dell’agevolazione, non ci sarà più bisogno di presentare altre dichiarazioni, sempre che le norme non cambino di nuovo.




Condividi la notizia, potrebbe essere utile a molte persone