Bollette del Canone Rai: Bisogna Conservarle per 10 Anni

La rivoluzione del canone Rai, da quest’anno, non riguarda solo le modalità di pagamento che avverrà a rate in bolletta, bensì anche il fatto che, dal 2016 in poi, le ricevute dovranno essere conservate non più per 5 bensì per 10 anni.

Bollette Rai: per quanto tempo Conservarle

Dunque tempi raddoppiati rispetto al passato, dovuto al passaggio sotto la voce tributi (il canone è infatti è una tassa obbligatoria in caso di possesso dell’apparecchio televisivo).

Ovviamente fanno eccezione gli esenti e chi paga la tassa televisiva con modalità differenti, che continueranno a conservare le bollette elettriche per 5 anni come è sempre stato.

Nessuna novità invece per chi è esente dall’imposta tv: per loro, infatti, gli anni di conservazione della bolletta rimane di 5 anni.

Tecnicamente, la novità è stata generata per via di una sovrapposizione tra due articoli del Codice di procedura Civile: il 2946 e il 2948.

Ciò vuol dire che il Fisco avrà dieci anni di tempo per scovare eventuali evasori e recuperare il dovuto.

Quindi è bene ricordarsene perchè, pur avendo pagato, se non si dovesse riuscire a dimostrarlo, bisognerà mettere mano nuovamente al portafogli.

Da non scordarsi infine che la prescrizione prevista dalla legge può essere bloccata, ad esempio a causa dell’invio di solleciti di pagamento: in tale circostanza infatti il termine di prescrizioneriparte da zero allungandosi di ulteriori 10 anni.




Condividi la notizia, potrebbe essere utile a molte persone