Canone Rai e Tassa Tv in Europa: le Differenze

Come è noto da luglio di quest’anno (2016) in Italia ha preso ufficialmente il via la riforma con cui il Canone Rai è stato inserito nella bolletta elettrica di milioni di italiani.  Quella che per noi è stata una nuova modalità di pagamento è invece una solida realtà in Grecia e Portogallo, paesi in cui il Canone TV è già da tempo addebitato all’utenza elettrica.

Ma quella del Canone TV non è tuttavia una tassa che mette d’accordo tutti i paesi europei; al contrario: si va dai paesi in cui questa tassa è stata completamente abolita.

Tassa Tv in Europa

In Spagna, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Bulgaria, Ungheria, Lituania, Lettonia, Polonia, Estonia, Ucraina,  Bielorussia,  Moldavia, Turchia e  Russia non si paga la tassa tv.

In altri paesi la legislazione fa sì pagare il Canone TV ma vietando, o quantomeno limitando, la pubblicità nelle emittenti pubbliche:  Svezia, Danimarca, Norvegia, Finlandia e Francia.

Nel resto dell’Europa il Canone TV non solo lo si deve pagare, ma è anche più caro di quanto versato da noi italiani.

Superano la soglia dei 100 euro del nostro canone Rai paesi come  il Regno Unito, l’Irlanda, la Finlandia, la Francia, la Croazia e la Slovenia;  giungendo e superando  i 200 euro della Germania e della Svezia; fino a superare i 300 euro in Svizzera, Norvegia e Danimarca.

Bisogna però ricordare che questi paesi sovvenzionano la TV pubblica solo con il Canone, avendo abolito o limitato di molto l’uso della pubblicità nelle emittenti pubbliche.

Come detto anche nei precedenti articoli in Italia ci sono dei casi in cui la legislazione prevede l’esenzione dal Canone Rai come ad esempio il non possesso dell’apparecchio televisivo.  Ed anche qui spiccano delle differenze.

In paesi come la Germania, la Finlandia e l’Islanda il Canone TV è stato trasformato in realtà in un imposta progressiva applicata a tutti i cittadini i quali sono obbligati a pagare tale balzello indipendentemente dal possesso o meno del televisore.

In  Gran  Bretagna la situazione poi è ancor diversa; nel senso che se possiedi un televisore ma lo usi solo per giocare ai videogame o per collegarci un apparecchio dvd o in streaming non devi pagare il Canone TV ma devi pagarlo solo se vedi o registri i programmi TV, al contrario dell’Italia in cui basta il possesso del televisore a decretare il pagamento del’imposta tv.

Ed in questo siamo affiancati dalla Francia in cui (come da noi)  si può chiedere l’esenzione se non si possiede l’apparecchio televisivo.

Paese che vai…abitudine che trovi.




Condividi la notizia, potrebbe essere utile a molte persone